News

Tokyo2020, il presidente del Cio: tamponi quotidiani per gli atleti

Gli atleti che parteciperanno ai Giochi Olimpici di Tokyo dovranno sottoporsi quotidianamente ai test per verificare l’eventuale positività di alcuno di essi. Nel piano originario era previsto il tamponamento degli atleti ogni quattro giorni. Il presidente del Cio Thomas Bach si è soffermato sulle regole predisposte per le Olimpiadi, insieme alla diffusione dei manuali che contengono le rigide misure anti-contagio.

Tokyo2020, il presidente del Cio: tamponi quotidiani per gli atleti

Tutti gli atleti che prenderanno parte ai giochi olimpici di Tokyo dovranno seguire le attività, appositamente indicate nel loro piano. Limitati al massimo i contatti tra gli atleti che sono già stati nella capitale giapponese da più di 14 giorni e i residenti di Tokyo. Anche gli spostamenti degli atleti dovranno avvenire solo con i mezzi appositamente previsti e messi a disposizione dall’organizzazione dei Giochi. I partecipanti non saranno autorizzati all’accesso ai mezzi pubblici. Ne parla Sportmediaset, che si occupa della conciliazione tra l’organizzazione delle Olimpiadi giapponesi e i protocolli anti-Covid.

I pasti sarà possibile svolgersi solo nei luoghi in cui sono state messe in atto le misure anti contagio. Le sedi sono quelle, dunque, allestite nello spazio dedicato ai Giochi olimpici. Stesso discorso per le camere, nelle quali sarà possibile solo il servizio delivery. Gli eventuali casi positivi saranno confermati dalle autorità sanitarie locali. Per quanto concerne gli organizzatori, questi ultimi dovranno annunciare non prima del mese di giugno la presenza o meno del pubblico sugli spalti e l’eventuale numero di partecipanti. Esclusi gli spettatori dai paesi esteri.

Emiliana Gervetti

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com