Interviste News Sampdoria

Sampdoria, D’Aversa: “La mia Samp sarà un mix di giovani ed esperti. E tutto parte da Quagliarella”

Roberto D'Aversa

Orgoglio doriano. Roberto D’Aversa non nasconde la felicità alla sua “prima” da allenatore blucerchiato. Ha fatto la giusta gavetta per meritarsi “la panchina che fu di Boskov”, il suo è un ritorno al futuro. Per riuscire nell’impresa l’ex mister parmense si affida al totem, il capitano Fabio Quagliarella.

Sampdoria, D’Aversa: “La mia Samp sarà un mix di giovani ed esperti. E tutto parte da Quagliarella”

“D’Aversa si presenta da solo”, ha spiegato orgoglioso il presidente ligure Massimo Ferrero. Lui, Roberto D’Aversa, fa tutti i ringraziamenti e non nasconde l’emozione nell’intraprendere questa nuova avventura sotto la Lanterna. “Ci tengo a salutare Claudio Ranieri con stima ed affetto. Personalmente in passato (stagione 2000-01, n.d.r.) ho avuto l’onore di vestire questa maglia, ed è ancora forte il ricordo d quei sei mesi genovesi. Mi auguro di rivivere quelle stesse sensazioni in futuro”. L’analogia più curiosa riguarda la data di fondazione del club di Corte Lambruschini (12 agosto: quest’anno saranno 75 anni di vita), che è poi la data di nascita dell’allenatore sampdoriano: “Sono molto orgoglioso di essere sulla panchina che fu di mister Boskov (l’allenatore della Sampd’oro del ’91, ndr). In questi anni il lavoro fatto dallo scouting e dalla proprietà è stato molto importante. Penso per il futuro a un mix di giovani ed esperti”. Naturalmente, dopo queste affermazioni, il riferimento al capitano Quagliarella non è casuale: “Mi auguro e penso che possa essere importante e fondamentale anche nella prossima stagione. Il sistema di gioco è determinato dai giocatori che hai a disposizione”. In tal senso, possibile che D’Aversa possa variare il teorico 4-3-3 iniziale con “un 4-3-2-1. Poi starà a me essere bravo per risparmiare a Fabio lavoro in fase difensiva, come già facevo a Parma con Gervinho”. Un club prestigioso per un allenatore ambizioso. Roberto D’Aversa (ri)parte dalla Liguria.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com