Interviste Napoli Napoli OF News

Udinese, Marino: “Capacità stadi al 75%? Senza aumento contagi non vedo perché non dare il 100%. De Paul e Musso? Erano un lusso, faremo di necessità virtù. De Laurentiis mi rimproverò lo scambio Mannini-Maggio, il tempo è stato galantuomo” [ESCLUSIVA]

Pierpaolo Marino
A Radio Marte nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierpaolo Marino, dirigente dell'Udinese.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierpaolo Marino, dirigente dell’Udinese.

Udinese, Marino: “Capacità stadi al 75%? Senza aumento contagi non vedo perché non dare il 100%. De Paul e Musso? Erano un lusso, faremo di necessità virtù. De Laurentiis mi rimproverò lo scambio Mannini-Maggio, il tempo è stato galantuomo” [ESCLUSIVA]

“Capacità stadi al 75% o campionato che non inizia? Non credo che succederà, sarebbe gravissimo per l’intero meccanismo. Indubbiamente tale capienza sarebbe meglio di cominciare con un numero ridotto. Oggi dobbiamo navigare a vista: se andando avanti si dovessero avere dei peggioramenti, credo che cadrebbe ogni discorso. La posizione della Vezzali è molto intelligente ma a quel punto al 50%, al 75% o al 100% cosa cambia? In realtà gli assembramenti ci sono lo stesso. Se i contagi non dovessero aumentare e si rimane in zona bianca non vedo perché non dare il 100%, ovviamente con il Green Pass o con tampone nelle 48 precedenti. Per uno o due anni sarà irrinunciabile.

Io presidente? L’ho fatto già per 3 anni e non lo rifarei volentieri, ringrazio chi lo pensa con fiducia ma in passato ho già vissuto una cosa del genere e non mi sono espresso al meglio. Con la responsabilità di presidente si hanno tanti problemi che poi ti fanno fare male ciò che invece sai fare.

De Paul e Musso via? Un lusso averli per tanti anni a Udine, sono due giocatori favolosi e portentosi. De Paul in particolare è stato uomo squadra l’anno scorso. Faremo di necessità virtù, daremo fondo alle idee di scouting che non mancano. In porta abbiamo preso Silvestri che è un portiere dal rendimento consolidato in Serie A, non sentiremo eccessivamente la mancanza di Musso. Sono felicissimo di averlo a Udine. Senza De Paul sicuramente cambierà il modo di giocare della squadra, cercheremo di portare a Udine qualcuno che non lo faccia rimpiangere. Se uno va a cercare un identico non si trova. La squadra l’anno scorso giocava al servizio di De Paul, faceva tutto anche in zona gol e assist. Ora cambierà il modo di costruire il gioco ma arriveranno anche giocatori, con caratteristiche diverse, che non faranno rimpiangere il ragazzo.

Stryger Larsen ha molto mercato, il Galatasaray ha fatto una buona offerta e il giocatore sta facendo una pausa di riflessione. Ha un anno di contratto e non abbiamo rinnovato, probabilmente partirà ma non è detto. Arnautovic? L’abbiamo trattato con il Napoli quando andò all’Inter, giocatore che fa parte di un ventaglio di nome a cui stiamo lavorando, non è un obiettivo primario. Lapadula? Non possiamo parlare di tutti i giocatori, non andrei in particolari sui nomi.

Non so se tutti i nuovi allenatori si divertiranno, di certo porteranno degli stimoli nuovi e degli aspetti tattici nuovi. Spalletti manca da poco dal campionato italiano, ha portato l’Inter in Champions League, non ha fatto male. Penso che partirà subito forte, ottimo ingaggio del Napoli.

Chi mi ha deluso tra Mannini e Rinaudo? Non mi hanno deluso. De Laurentiis mi rimproverò per aver dato Mannini alla Sampdoria in cambio di Maggio, poi il tempo è stato galantuomo come sempre. Rinaudo poi andò alla Juventus”.

LEGGI ANCHE: Spalletti non solo aziendalista: il suo obiettivo è competere con le big. Colpo Emerson Palmieri, utili le cessioni di Tutino e Ounas

Claudio Agave

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com