News

Ungheria, cori razzisti indirizzati ai calciatori inglesi. Il provvedimento della FIFA

Super League

Ancora il razzismo che si mescola con lo sport, portatore naturale di sani valori, come il rispetto dell’altro. Durante la partita di qualificazione alla Coppa del Mondo in Qatar, tra Ungheria e Inghilterra, disputata lo scorso 2 settembre, i tifosi magiari hanno intonato cori razzisti. Il provvedimento della Commissione Disciplinare della FIFA. Di seguito, i dettagli sull’incresciosa vicenda.

Ungheria, cori razzisti indirizzati ai calciatori inglesi. Il provvedimento della FIFA

Due partite a porte chiuse, una con la cosiddetta condizionale da parte della Commissione Disciplinare della FIFA ai danni della Federcalcio ungherese. Il motivo risiede nel comportamento discriminatorio e razzista di numerosi tifosi magiari durante il match della propria Nazionale contro quella inglese.

“Dopo aver analizzato e preso in considerazione tutte le circostanze, nello specifico la gravità degli incidenti (cori e gesti razzisti, lancio di oggetti, accensione di fuochi d’artificio, scale bloccate), il Comitato ha deciso che la MLSZ giocherà le sue prossime due partite casalinghe nelle competizioni FIFA senza spettatori”. Inoltre: “La seconda partita viene sospesa per un periodo di due anni. Inoltre, il Comitato ha inflitto un’ammenda di 200.000 franchi svizzeri (circa 184.000 euro)”. Posizione dura, quella della FIFA, intenzionata a rimanere ferma e risoluta per non abbassare la guardia contro ogni forma di violenza e di razzismo. “La FIFA prende una chiara posizione di tolleranza zero contro un comportamento così ripugnante nel calcio. La decisione presa dalla Commissione Disciplinare FIFA è stata notificata alla MLSZ”.

Emiliana Gervetti

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com