Interviste Lazio News

FIGC, Lotito allontanato dal Consiglio Federale. Il patron laziale: “Situazione kafkiana”

Claudio Lotito presidente lazio

“Ha detto che sono ancora squalificato”. Claudio Lotito è stato allontanato dalla riunione in Federazione organizzata da Gabriele Gravina, il presidente della Federcalcio.

FIGC, Lotito allontanato dal Consiglio Federale. Il patron laziale: “Situazione kafkiana”

Il patron biancoceleste ha messo a verbale una dichiarazione nella quale specifica che “il consigliere Lotito ritiene illegittimo il rifiuto di consentirgli la partecipazione al consiglio federale odierno. In quanto fin dal 7 settembre scorso, non esiste alcuna sanzione che possa impedirgli il suo diritto di esercitare le funzioni di consigliere federale”. Per questo motivo, aggiunge, “allo stato attuale nei suoi confronti pende un mero deferimento”.

LEGGI SULL’ARGOMENTO: Caos tamponi Lazio, la Procura Federale apre un’inchiesta: si indaga su presunta violazione del Protocollo

Lo sfogo, fuori la sede di Via Allegri: “Lasciate perdere i commenti personali. Il diritto non viene interpretato, ma viene applicato. Dire che la sentenza non preveda l’annullamento del provvedimento probabilmente è una lettura completamente diversa da quella che è la sentenza stessa. Ce l’avete, la potete leggere, poi capite se è stato annullato quanto aveva conferito e se la sanzione esiste ancora. Mi si impedisce di esercitare il mio diritto di consigliere federale, eletto democraticamente. Ora vedremo con gli avvocati, io sono un uomo libero. Non possono aspettare cosa verrà deciso, le sentenze sono immediatamente esecutive.

LEGGI ANCHE: Lazio, caso tamponi: Claudio Lotito squalificato 12 mesi. Il verdetto della Corte d’Appello

“Questa è la storia – continua Claudio Lotito -. Quando c’è un provvedimento di un giudice deve essere applicato. Non so quale sentenza leggano. Peraltro sentenza a loro notificata, sapevano fin dal 7 di settembre che avrei avuto titolo a partecipare. Poi sono uscite le motivazioni, hanno chiarito i termini della sentenza, mi avevano contestato culpa e negligenza annullata, responsabilità diretta annullata. Annullati tutti i capi di imputazione. Rinviato perché non hanno tenuto conto dei pareri degli esperti scientifici, questo aspetto ha minato l’applicazione di un comportamento che era nel rispetto delle regole, soprattutto per il presidente in una società in cui ci sono 17 medici, 1 direttore sanitario, 1 responsabile medico, non capisco che responsabilità possa avere io sull’applicazione delle norme. Ma sulla mia posizione era stato ampiamente chiarito quali fossero i termini e che tipo di violazioni interpretative abbiano fatto gli altri”.

 

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com