Interviste Napoli OF News

Zamparini, il figlio Armando morto a Londra: l’ipotesi di un’ischemia. L’ex patron del Palermo: “Tragedia infinita”

Per Armando Zamparini, 23 anni, si pensa a un malore improvviso: doveva iniziare quel giorno a lavorare per una multinazionale. La madre Laura Giordani: “Il mio angelo se n’è andato”. La nota dei legali: “Si è spento nel suo appartamento”.

Zamparini, il figlio Armando morto a Londra: l’ipotesi di un’ischemia. L’ex patron del Palermo: “Tragedia infinita”

Il cuore del giovane si è fermato giovedì: a trovare il corpo senza vita del rampollo di casa Zamparini nella sua camera dell’appartamento di Londra, dove viveva da qualche anno , è stata la domestica che ha subito dato l’allarme. Fino a poche ore prima aveva condotto la vita di sempre: doveva iniziare proprio quel giorno un lavoro con una importante multinazionale assieme al suo coinquilino con cui aveva condiviso anche il master in Inghilterra. Una nuova avventura stroncata prima che potesse cominciare. Armando era l’ultimo figlio di Zamparini, l’unico del suo secondo matrimonio con Laura Giordani, dopo gli altri quattro – Silvana, Greta, Andrea e Diego – avuti con la prima moglie. “Non avevamo avuto alcun segnale e Armando era un ragazzo pulitissimo – dichiara l’ex patron di Venezia e Palermo, Maurizio Zamparini, nel suo intervento a La Repubblica -. Giovedì Thomas è uscito di casa presto (il coinquilino, ndr), mentre mio figlio è rimasto in casa. Poi la governante alle due e mezza l’ha trovato inerme, immobile. Ha chiamato subito l’ambulanza, ma è stato tutto inutile. Armandino era già morto”. Sulla possibilità che si trattasse di malattie pregresse, ancora Zamparini: “Ha sofferto di una forte bronchite asmatica in passato, che gli ha dato vari problemi, ma nient’ altro che io sappia. Le autorità inglesi stanno ancora indagando, ma per ora non c’è nulla che faccia pensare a una morte violenta. Gli avevo mandato un sms di in bocca al lupo per il nuovo lavoro, non ho mai ricevuto risposta. Questa è una tragedia infinita”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com