Interviste Napoli Napoli OF News

Di Marzio: “Galeazzi? Giornata di lutto per tutti. Insigne si sta comportando bene, giocatore indispensabile, non mi piace questa rottura”

Insigne
Di Marzio: "Galeazzi? Giornata di lutto per tutti. Insigne si sta comportando bene, giocatore indispensabile, non mi piace questa rottura"

A Radio Marte nel corso della trasmisione “Marte Sport Live” è intervenuto Gianni Di Marzio, allenatore.

Di Marzio: “Galeazzi? Giornata di lutto per tutti. Insigne si sta comportando bene, giocatore indispensabile, non mi piace questa rottura”

“Galeazzi? Giornata di lutto, non solo per lo sport italiano ma anche per chi lo conosceva bene. Ora ci sono i ricordi e la simpatia, i suoi sorrisi e le sue battute. La sua allegria mi è rimasta nel cuore. Lui era sempre sorridente e positivo, un vincente sotto tutti gli aspetti. Indimenticabile la sua telecronaca per gli Abbagnale.

Italia-Svizzera? Sono fiducioso, abbiamo giocatori importanti e onestamente non possiamo sbagliare. All’Olimpico la squadra moltiplicherà gli sforzi, il centrocampo è compatibile tra i giocatori. Immobile ci può mancare davanti ma spero anche in Insigne e Belotti, sperando che lo faccia giocare.

Insigne? Si sta comportando molto bene. Mai una parola fuoriluogo, in campo massimo impegno. Sugli esterni è indispensabile e importante. Questa rottura non mi piace. Per me Insigne è ancora giovane, non è più il tempo in cui a 33 anni eri vecchio per il calcio. A gennaio se dovesse davvero impegnarsi con un’altra squadra si potrebbero avere contraccolpi nell’ambiente. Mercato di gennaio? Non penso che il Napoli si rinforzerà, la società quest’anno ha ritenuto di non spendere. Io onestamente lo farei ma non so se accadrà.

La mia illustrazione alla fermata EAV? Se tornassi indietro non rischierei mai la mia incoscienza nel cambiare un ciclo di giocatori in quel Napoli. Sostituii grandi big con alcuni giovani, non fu facile. Kaio Jorge e Osimhen potevano giocare insieme? Sarebbe stato un investimento un po’ leggerino, lo conosco bene. Secondo me si sarebbero pestati un po’ i piedi perché Osimhen è un attaccante di profondità, deve giocare da solo con 2 esterni”.

LEGGI ANCHE: ESCLUSIVA – Yakin, l’ex vice: “Uno degli allenatori migliori d’Europa! La Svizzera se la gioca con l’Italia”

Claudio Agave

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com