Napoli Napoli OF News

Insigne, Zeman: “Andrà in Canada? Peccato, voleva vincere con la maglia del Napoli”

Zeman

 “Il calcio ormai è business… La Serie A perderebbe un talento unico”. Parla colui che per Lorenzo è stato più di un allenatore. Zdenek Zeman, per Insigne, è stato un padre putativo. L’ha allenato a Foggia, a Pescara. Spesso l’ha coccolato, difeso. Continua a farlo e, con un filo di malinconia, accoglie la notizia di una sua probabile partenza da Napoli (e dall’Italia) con rassegnazione…

Insigne, Zeman: “Andrà in Canada? Peccato, voleva vincere con la maglia del Napoli”

Con Zdenek Zeman la svolta nella carriera di Lorenzo Insigne. Il boemo ha allenato l’attaccante prima a Foggia (Serie C, 2010-11) e poi a Pescara (2011-12) con la promozione in Serie A. Col tecnico, ora tornato alla guida del Foggia, il capitano del Napoli si scoprì bomber: 37 gol in 2 campionati. Poi l’escalation verso l’Europa, col Napoli e la nazionale italiana. “Offerta irrinunciabile? Non so, non posso consigliare – ammette Zeman alla Gazzetta dello sport -. Ora Lorenzo è abbastanza grande per poter fare la scelta che ritiene migliore. Certamente da un punto di vista sportivo pensare che possa lasciare il Napoli in grado di lottare per lo scudetto può significare per lui perdere una grande opportunità. Ma non voglio giudicare quella che sarà la sua decisione. Rischio Mondiale? Mancini lo conosce bene. E poi in azzurro veniva convocato pure Giovinco dal Canada. Ma non sarebbe la situazione ideale né per lui né per la Nazionale”. Sul ragazzo e il legame con la sua città. “Lorenzo è certamente tra i più importanti giocatori del campionato. Riesce a fare gol e assist. E anche a saltare l’uomo o andare in dribbling anche se negli ultimi tempi sta dribblando troppo poco per quelle che sono le sue caratteristiche. L’ho conosciuto da giovane e già aveva grandi qualità. Nei primi tempi a Napoli non si è inserito al meglio ma poi ha dimostrato che è un giocatore valido sotto tutti i punti di vista. Un legame spezzato con la città? Per me lui rimane sempre napoletano. Il discorso è che oggi il calcio è diventato un business anche per i giocatori. Ma a me dispiacerebbe perché come ragazzo lo conosco. Da sempre lui vive per Napoli. Da piccolo sognava quella maglia, è cresciuto nel vivaio, poi è diventato capitano. Se andasse in Canada, sarebbe una grande perdita per tutto il calcio italiano”, ha concluso Zeman.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com