News SOCIAL

Coronavirus Campania, De Luca: “Noi restiamo zona bianca. Ma dobbiamo restare prudenti per evitare chiusure”

de luca

“Lunedì prossimo diventano zona gialla alcune regioni, come la Lombardia, Lazio, Piemonte, Veneto, Calabria, Friuli, Marche, Bolzano, Trento e Sicilia. La Campania resta ancora zona bianca. Abbiamo fatto l’impossibile e registriamo un risultato di cui essere orgogliosi. Ma per la prima volta ieri abbiamo superato la soglia del 15% di ricoveri nell’area medica. La situazione del contagio è che ad oggi registriamo oggi in Campania 14458 positivi. Il dato importante è che 12.100 sono asintomatici, non hanno patologie particolari”. Così Vincenzo De Luca, durante la consueta diretta del venerdì, l’ultima – giocoforza – del 2021.

Coronavirus Campania, De Luca: “Noi restiamo zona bianca. Ma dobbiamo restare prudenti per evitare chiusure”

La scena è anomala per il giorno di San Silvestro. Le file, quest’anno, infatti, si sono formate a Napoli non solo davanti a pescherie e negozi alimentari ma anche, come accade da alcuni giorni, davanti alle farmacie ed ai drive in di Napoli e provincia. Anche due ore di attesa necessaria per sottoporsi ad un test antigenico o molecolare. Boom di contagi in Campania, ma “sapete che le soglie stabilite a livello nazionale sono il 10% posti in terapia intensiva e 15% in area medica. E le regioni non devono sforare questi due parametri per rimanere in zona bianca – prosegue su Facebook il presidente della Regione Campania -. Per quanto riguarda le terapie intensive siamo ancora al di sotto del 10%, siamo all’8,73% di occupazione, ma per l’area medica siamo un punto sopra il 15%. Devo dire che questo risultato è eccellente nonostante tutto. Abbiamo fatto un lavoro straordinario in questi mesi grazie al personale sanitario e alcune decisioni prese in anticipo dalla Campania. Dobbiamo essere prudenti per evitare di chiudere la Campania e chiudere gli ospedali. Oggi manteniamo la Campania in zona bianca senza aver chiuso gli ospedali. Un anno fa, a causa del picco di contagi, chiudemmo Loreto Mare, San Giovanni Bosco, Pronto Soccorso del Cardarelli, il Ruggi d’Aragona a Salerno. Avevamo eliminato tutta l’attività non di emergenza per ospitare pazienti Covid. Oggi stiamo cercando di evitare per quanto possibile di chiudere gli ospedali. Cercheremo di andare avanti così fino a quando potremo reggere. Rispetto a un anno fa abbiamo alcune centinaia di dipendenti in meno nel nostro sistema sanitario”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com