News

MATCHANALYSIS – SARRI DEVE … ACCORCIARE IL NAPOLI DEI PICCOLETTI

Nel match di ieri, la chiave difensiva dell’Empoli è stata quella della compattezza: Martusciello ha chiesto ai suoi centrocampisti di abbassarsi quasi sulla linea dei difensori per formare quasi sistematicamente una linea a 6 uomini: così facendo ha provato ad isolare Mertens e limitare a Callejon ed agli interni del Napoli di inserirsi con continuità
posiz-nap-emp

Come dimostra la mappa tratta da Wyscout, l’Empoli è stato favorito da un Napoli che non è riuscito a mantenere le distanze tra i reparti: la squadra di Sarri era lunga 43.1 metri, una distanza lontana dagli standard di inizio e della scorsa stagione, con il Napoli raccolto in poco più di 20-25 metri per gara. L’Empoli si è allungato (46.2 metri di media) solo dopo il gol di Callejon con l’ingresso di Maccarone, favorendo le ripartenze del Napoli.

In vista della gara con la Juventus, Sarri deve capire come inserirsi tra le linee della formazione guidata da Allegri. Come dimostra questa altra mappa di rilevazione satellitare tratta da Wyscout, anche la Juventus è stata più compatta del Napoli
pos-nap-juve

Con Marchisio che scala sulla linea di difesa, la Juventus proverà ad isolare Mertens, lasciando a Pjanic i compiti di cucire i reparti nel triangolo di centrocampo. Raccolta in 41 metri, la Juventus si accorcia lasciando Higuain più avanzato e Mandzukic a fare da sponda per gli inserimenti.
La Juventus proverà ad agire in contropiede sfruttando un baricentro più basso, a differenza di quello del Napoli che è il più alto della Serie A (rilevazione Wyscout)
baricentro

L’arma in più del Napoli è la velocità del giro-palla: Sarri ne è consapevole e sta forzando con i suoi uomini per ottenere un ritmo di gioco sempre più alto, così da tagliar fuori gli esterni del 3-5-2 e lo stesso Marchisio dalla fase difensiva ed ad arrivare nei pressi dell’area di rigore juventina ed affrontarla in parità numerica
velocita-pass-10a

Con 17.3 passaggi in un minuto di possesso palla, il Napoli è la squadra che ha già il ritmo più alto della Serie A, ma Sarri vuol portare, come avveniva nella scorsa stagione, ancora più in alto alto questo valore, nonostante le assenze dei centravanti come Higuain e Milik, fondamentali per questo tipo di gioco.

Di Marco Giordano

® RIPRODUZIONE RISERVATA PREVIA CITAZIONE FONTE