Napoli OF News

De Magistris conferma: “La Campania è zona rossa! Ora chiediamo ristori economici immediati”

De Magistris sindaco napoli

ULTIME CAMPANIA – Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, con una diretta Facebook, ha confermato le indiscrezioni che vedono la Campania zona rossa.

De Magistris conferma: “La Campania è zona rossa! Ora chiediamo ristori economici immediati”

“Avevo appena firmato l’ordinanza della quale tanto si è parlato in questi giorni e sulla quale tanto abbiamo lavorato con i miei assessori e i miei uffici dopo aver sentito anche i sindaci della altre città metropolitane. Ma prima di pubblicarla ho voluto chiamare personalmente il ministro Speranza, col quale mi ero anche lungamente sentito ieri. Il ministro mi ha poc’anzi notiziato che la Campania è zona rossa.

Quindi quest’ordinanza, in questo momento, non ha più efficacia però sono contento del lavoro che abbiamo fatto perché in quest’ordinanza si faceva chiarezza, nel senso che si evidenziava in maniera efficace che nella zona gialla le persone possono circolare, i negozi sono aperti e quindi non bisogna meravigliarsi se c’è tanta gente per strada e che chiudere una strada piuttosto che un’altra non aveva alcun tipo di senso e alcun tipo di efficacia. Anzi poteva rafforzare concentrazioni in altri luoghi. Con questa ordinanza si individuavano delle strade su cui eventualmente intervenire solo in casi di forti e potenziali assembramenti. Si auspicava quindi un maggior controllo del territorio che auspico anche adesso nonostante andiamo in zona rossa.

Quello che però ora mi sento fortemente di chiedere al governo, come ho fatto al presidente del Consiglio con una lettera indirizzata qualche giorno fa, ristori economici immediati. La città non può pagare sulla propria pelle una zona rossa che con un diverso lavoro – nei mesi successivi al lockdown – sul piano sanitario poteva essere evitata”.

Antonio Del Prete

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com

LEGGI ANCHE

Campania, l’appello dei B&B: “Noi esclusi da ogni forma di ristoro”