Interviste News

Moto3, Jason Dupasquier non ce l’ha fatta: muore il pilota a soli 19 anni. La MotoGP: “Sempre nei nostri cuori”

Lutto

Il pilota Jason Dupasquier è morto. A dare la tragica notizia è stata la MotoGp: “A seguito di un grave incidente nella sessione di qualifiche 2 della Moto3 al Gran Premio d’Italia è con grande tristezza che comunichiamo la scomparsa del pilota della Moto3 Jason Dupasquier”. “Lo sport è vita e quando irrompe la morte rimaniamo senza parole. Addio Jason”. Il sottosegretario allo sport, Valentina Vezzali, ha voluto ricordare così il pilota svizzero.

Moto3, Jason Dupasquier non ce l’ha fatta: muore il pilota a soli 19 anni. La MotoGP: “Sempre nei nostri cuori”

Figlio d’arte, si era messo in luce in Svizzera con le supermoto, dall’anno scorso era in Moto3. Dupasquier – ricorda la nota della MotoGp – “è stato coinvolto in un incidente con più motociclisti tra le curve 9 e 10 mentre erano in svolgimento le qualifiche della Moto3. Subito dopo è stata esposta la bandiera rossa. Sul posto sono giunti immediatamente i mezzi di intervento medico della FIM e il pilota svizzero è stato soccorso in pista prima di essere trasferito in elicottero sanitario, in condizioni stabili, all’ospedale Careggi di Firenze. Nonostante i grandi sforzi del personale medico del circuito e di tutti coloro che successivamente si sono occupati del pilota svizzero, l’ospedale ha annunciato che Dupasquier è purtroppo morto per le sue ferite”. Il ragazzo “aveva iniziato in modo impressionante la sua seconda stagione nella classe leggera, ottenendo costantemente punti ed entrando nella top ten della classifica. FIM, IRTA, MSMA e Dorna Sports fanno le più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici, alla squadra e ai cari di Dupasquier”. Dall’ospedale di Careggi, dove il giovane pilota era stato subito trasportato ieri dopo l’incidente, avevano fatto sapere che era in corso l’accertamento di “morte encefalica”, una procedura per la conferma del decesso di un paziente con gravi lesioni cerebrali non compatibili con la vita. La MotoGP ha osservato un minuto di silenzio in ricordo del ragazzo: sulla griglia di partenza, prima del via della gara, tutti i piloti si sono schierati in silenzio ricordando il 19enne con un cartello raffigurante la sua foto e la scritta “Sempre nei nostri cuori”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com