Interviste Napoli Napoli OF

Ex Napoli, Doblas ricorda Hamsik: “Guidava la squadra con il lavoro, non con le parole”

Marek Hamsik

Uno è una meteora, l’altro ha scritto capitoli importanti nel club azzurro. La “meteora” però, è riuscita ad affacciarsi al mondo Napoli in punta di piedi, senza strafare, con umiltà, e dopo un colpo di fulmine con la piazza è ricordato con affetto dai tifosi azzurri.

Ex Napoli, Doblas ricorda Hamsik: “Guidava la squadra con il lavoro, non con le parole”

Toni Doblas, ex portiere laureato in giornalismo, parla del vecchio capitano azzurro, che ha da poco firmato coi turchi del Trabzonspor ed è impegnato agli Europei con la sua Slovacchia. Doblas ha condiviso poco tempo con Hamsik, erano i tempi di Benitez, e venne ad occupare la casella lasciata vacante dallo sfortunato Rafael Cabral. Oggi è preparatore atletico dei portieri del Betis, ma continua a vivere la sua passione per la cronaca sportiva, e lo fa (ai microfoni del Pais e alla vigilia di Slovacchia-Spagna, terza gara del girone di Euro2020) con lo smalto di quelli bravi: “All’inizio lo vedi come un ragazzo strano, con strane acconciature e pieno di tatuaggi, e pensi che sia un ragazzo estroverso, un leader. Ma comanda per il modo in cui lavora. È un ottimo compagno di squadra, molto tranquillo, non si mette nei guai e non ama le telecamere. Fa tutto bene – continua Doblas -. Ha un buon tiro, raggiunge bene l’area avversaria, sa come dirigere, nel gioco associativo è molto bravo ed è un ragazzo molto competitivo”. El Pais mette in evidenza poi l’etica del lavoro dello slovacco, ricordando che a Napoli ha scelto di vivere a Castel Volturno (a Pineta Mare, ndr) per restare vicino al centro sportivo. Doblas dichiara: “Ha guidato il club per anni con il lavoro, non con la parola. E si è conquistato l’amore eterno dei napoletani”.

Hamsik: “Napoli mi manca, non credo in un ritorno in azzurro! Pareggio col Verona? Ecco cosa penso”

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com