Interviste Udinese

Udinese, Campoccia: “De Paul e Musso addii dolorosi, reinvestiremo per creare nuovi talenti”

de paul udinese
Foto LaPresse/Andrea Bressanutti 07/04/2019 Udine (Italia) Sport Calcio Udinese vs Empoli - Campionato di calcio Serie A 31^ Giornata - Stadio "Dacia Arena" Nella foto: de paul festeggia il goal 1-1 Photo LaPresse/Andrea Bressanutti April 07, 2019 Udine (Italy) Sport Soccer Udinese vs Empoli - Italian Football Championship League A 31^ day - "Dacia Arena" Stadium In the pic: de paul goal celebration 1-1

CAMPOCCIA UDINESE CESSIONI – Stefano Campoccia presenta il mercato dell’Udinese. Il vicepresidente del club friulano ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine di un evento di marketing. Gli addii di De Paul e Musso in primis, poi la programmazione per la creazione di nuovi talenti:

“Le battaglie di Lega quest’anno sono state quanto mai difficili? La Lega e tutto quello che è relativo alla federazione è un tema che non è in mano a nessuno perché la pandemia ha creato squarci in tutto il sistema.

Come Lega sapete che stiamo chiedendo la riapertura degli stadi per riavere il pubblico. Il primo giocatore è il nostro pubblico, senza diventa tutto surreale.

Credo che la differenza, senza nulla togliere alle altre società, la faccia il nostro Dacia Arena che è un elemento fulcro di tutta la pianificazione strategica.

Così siamo riusciti a creare l’attenzione di un grande gruppo e grazie a quest’ ultimo come una catena riusciamo a crearne altre. Grazie a questo gruppo e al palcoscenico della Serie A.

Credo tutto questo venga apprezzato non solo da Dacia nostro partner, ma da tutti gli altri, che vedono nell’Udinese azienda capace di programmare. Tutto questo grazie alla famiglia Pozzo, che negli ultimi 27 ha saputo coltivare e costruire talenti continuamente, anche cambiando il modello quando necessario.

Questo porta anche ad addii dolorosi come può essere quello di De Paul, ma in tutto il discorso che ho fatto c’è anche da considerare l’aspetto economico e la sostenibilità.

Vendere subito è pianificazione, capacità di mettersi fuori dalle secche di un mercato che non riesce a comprare. Poi l’incasso viene come sempre reinvestito per costruire in casa nuovi talenti e continuare la catena.

Penso poi che sicuramente ci fossero state le prestazioni dei tre ragazzi oggi presenti alla presentazione delle maglie il mister sarebbe stato ancora più contento e l’anno scorso i risultati sarebbero stati anche migliori”.

Giovanni Maria Varriale

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com