Napoli Napoli OF News

Osimhen geniaccio un po’ scugnizzo, adesso è cambiato il suo valore di mercato

Osimhen

OSIMHEN VALORE MERCATO – Victor Osimhen si prende il Napoli ed esce dal campo con con una standing ovation da parte del pubblico del Maradona. Anche ieri sera nella partita contro il Cagliari di Mazzarri, l’attaccante nigeriano ha segnato il suo nome tra i marcatori. Protagonista assoluto ancora una volta, l’azzurro ha fin ora realizzato sei gol (quattro dei quali in campionato). L’edizione odierna de Il Corriere della Sera elogia il calciatore partenopeo, che ora certamente ha cambiato il suo valore di mercato.

Osimhen geniaccio un po’ scugnizzo, adesso è cambiato il suo valore di mercato

Ogni suo tocco di palla è stato accompagnato da un boato dello stadio. Prima ha segnato il gol che ha sbloccato la partita, poi si è procurato un rigore che ha lasciato calciare al compagno e capitano Lorenzo Insigne. Inizia alla grande il suo secondo capitolo in azzurro, si è fatto aspettare un anno, anche perché tra Covid e infortunio non è riuscito a trovare quella giusta continuità per cominciare una stagione in un campionato e una squadra nuova. Quale sia il suo valore di mercato è difficile dirlo ora, ma per il quotidiano di certo il suo cartellino vale più di settanta milioni. Sei gol in quattro incontri, settembre lo elegge come bomber del mese (insieme a Benzema , Haaland e Nkunku). Osimhen si propone come calciatore totale, attaccante che fa reparto, così come piace a Spalletti. Il Corriere dello Sport lo descrive come un “geniaccio un po’ scugnizzo e rapinatore del tempo e dello spazio che lo trasforma in serial-killer”.

Rigore procurato da Osimhen, a reazione di Spalletti

Merito di Victor Osimhen è anche quello di essersi procurato il rigore nel secondo tempo che ha lasciato calciare – naturalmente – a Insigne. Troppo pericoloso in area, così Godin ha cercato di fermarlo commettendo fallo. L’arbitro Piccinini ha indicato il dischetto e Luciano Spalletti gli dà un buffetto appena prima del tiro del capitano. Alla fine l’allenatore gli concede un’uscita dal campo degna della sua prestazione, con lo stadio Maradona che gli ha riservato una fantastica standing ovation. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

Serena Grande

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com