Napoli Napoli OF News

Insulti Koulibaly, Cds: identificato un ragazzo ma serve un riscontro. Napoli pronto a una mossa estrema

Koulibaly

INSULTI KOULIBALY IDENTIFICATO RAGAZZO – La Digos di Firenze ha indentificato un ragazzo per gli insulti razzisti rivolti a Kalidou Koulibaly. Domenica sera al termine di Fiorentina-Napoli, al Franchi si è consumato un episodio vergognoso che fin troppe volte si è ripetuto negli stadi italiani. Dagli spalti dei tifosi viola, un gruppo ha iniziato a ululare mentre Anguissa e Osimhen lasciavano il campo. Poi quando è arrivato il momento di Koulibaly, qualcuno ha urlato: “Scimmia di m*rda”.

Insulti Koulibaly, Cds: identificato un ragazzo ma serve un riscontro

Secondo quanto racconta Il Corriere dello Sport, la Digos avrebbe indentificato un ragazzo tra i 20 e 25 anni per gli insulti razzisti ai danni di Koulibaly. Gli inquirenti stanno indagando, ma serve un riscontro video. Al vaglio ci sono le immagini delle riprese all’interno dello stadio: si sta confrontando il materiare degli occhi elettronici puntati sugli spalti con quelli dei tornelli di uscita. Nelle prossime ore l’esito delle indagini verrà inviato alla Procura per l’apertura di un fascicolo. Intanto per quanto riguarda il fronte campo, bisognerà aspettare oggi per la decisione del Giudice Sportivo.

Razzismo negli stadi, Napoli pronto a una mossa estrema

Come riporta Repubblica il tifoso che urlato contro Koulibaly non era solo, ma con lui un gruppo di razzisti. Questo lo si apprende dal fascicolo inviato dalla Procura Federale al Giudice Sportivo, relativamente all’inchiesta sul campo. Troppi episodi in Serie A, ma non solo. L’ultima vittima è stato il nuovo portiere del Milan Maignan, insultato allo Juventus Stadium da un uomo che ha provato a giustificarsi – male – dicendo che aveva bevuto troppo. “Cosa facciamo davvero per combattere il razzismo all’interno degli stadi?” aveva scritto sui social l’estremo difensore rossonero, che ha voluto manifestare pubblicamente il suo supporto a Koulibaly. Il Napoli non ci sta più. Così – racconta il quotidiano – pare che la società sia pronta a una mossa estrema: se dovesse capitare a partita in corso, non è escluso che il club non decida di fermarsi in blocco e non giocare.

Serena Grande

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com