Inter Interviste News

Inter, continua il progetto Interspac ma il sindaco di Milano Sala è scettico: “La cosa richiederebbe molto tempo”

La holding Interspac, una cordata vip di tifosi interisti creata nel luglio 2018 da un gruppo di tifosi nerazzurri capitanati dall’economista Carlo Cottarelli (già presidente incaricato prima della formazione del governo Giuseppe Conte) e rappresentata da 15 manager di primo piano della finanza italiana, lavora per l’ingresso in società con una quota di minoranza. Il tema dell’azionariato popolare come in Spagna, un’idea mai abbandonata da Cottarelli per affiancare la proprietà Suning. “Creare un legame identitario tra il tifoso e la società – dichiara il professor Cottarelli -. Così si crea un senso d’appartenenza maggiore e sono più semplici anche le attività commerciali. Come sarebbe l’Inter con il nostro intervento? Un grande club di calcio che non mira alla massimizzazione del profitto nel breve periodo. Una coniugazione di risultati e di sogni dei tifosi”.

LEGGI ANCHE: Inter, Suning ha rispettato tutte le scadenze. Ora prestito da 240 milioni e ricerca di nuovi azionisti

Inter, continua il progetto Interspac ma il sindaco di Milano Sala è scettico: “La cosa richiederebbe molto tempo”

Rafforzare il capitale della squadra del cuore, attraverso un azionariato popolare come succede in Spagna: è l’idea dell’economista Carlo Cottarelli, che di recente è tornato a parlare di questa affascinante idea: “Nelle prossime settimane avremo qualche notizia da dare su questo argomento – spiega ai microfoni di Radio Rai -. Inizialmente dovremmo entrare in quota di minoranza, poi si vedrà in base a quanti tifosi vorranno partecipare a questo progetto. Spero potremo iniziare presto la campagna per le adesioni”. Cottarelli, vestendo i panni del tifoso nerazzurro, ha confessato anche un suo auspicio in ottica calciomercato: “Lukaku e Barella li terrei sicuramente, anche se spero riescano a tenerli quasi tutti”.

La proposta di Carlo Cottarelli di Interspac “può andare in porto nella misura in cui è a sostegno di un progetto più grande, perché se si guarda i numeri, io credo che il fatturato di una squadra come l’Inter sia pari a 300 milioni”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine delle celebrazioni per la festa della Repubblica in piazza Duomo. “La proposta può funzionare ma probabilmente trasformare l’Inter in una società simile a quelle spagnole, richiederebbe molto tempo e l’Inter ha un problema più urgente – ha aggiunto -. Io voglio bene ai miei colori, voglio bene all’Inter che è importante per la città, ma mi auguro soluzioni più rapide, dopodiché ben venga anche l’idea di Cottarelli”.

LEGGI ANCHE: Inter, Suning lascia il calcio cinese: il motivo della decisione di Zhang (Ufficiale)

Inter, Suning gioca a carte scoperte: “Impegno confermato. Aperta la ricerca di partner”

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com